Errori di chi chiede un preventivo SEO e di chi lo redige

Errori di chi chiede un preventivo SEO e di chi lo redige

Redigere un preventivo SEO può sembrare una cosa da nulla, ma in realtà può serbare molti problemi ed errori, specialmente quando si è alle prime armi.

Sappiamo tutti molto bene quanto, al giorno d’oggi, la tecnologia stia modificando gran parte delle nostre abitudini e, con essa, soprattutto il mondo del web: mentre un tempo bastava avere un negozio fisico ben strutturato, oggi è invece molto importante associare all’attività di promozione offline anche quella online, per farsi conoscere, per vendere e quindi per avere successo. Lo stanno comprendendo anche molte persone vecchio stampo, coloro che un tempo non avrebbero mai pensato di affidare il proprio negozio anche alla rete: la realtà è che facendosi conoscere anche dai motori di ricerca, riusciamo ad accalappiare una fetta di potenziali clienti molto più ampia rispetto a quella che ci viene offerta sul territorio, e questo chiaramente si traduce sia in fama e notorietà che in potenziali guadagni.

Chiaramente, non tutti sono in grado di ottimizzare un sito web per i motori di ricerca e farci ottenere il risultato sperato: anche questo mondo, pur essendo un settore professionale relativamente giovane, cela problemi e potenziali inganni. Anche questo è da considerarsi un mondo nel quale sapersi muovere, esattamente come un mondo sconosciuto che però ci può fornire molti risultati positivi.

Questo non vale solo per l’utente che va in cerca di un preventivo SEO per il proprio lavoro, ma anche per il consulente stesso, che deve essere in grado di difendersi anche da eventuali richieste di ribasso dei prezzi, spesso senza considerare tutto il lavoro certosino che c’è dietro ad una buona ottimizzazione SEO.

Redigere un preventivo SEO: attenzione a non svendersi

In genere, una persona che chiede un preventivo SEO ad un consulente o ad un professionista del settore, è spinto dalla necessità di risparmiare e quindi sarà molto propenso ad eseguire un possibile confronto sui prezzi che avrà ricevuto da altri preventivi. Il punto di partenza sul quale è necessario fare delle considerazioni importanti è che, infatti, un potenziale cliente che chiede la tariffa ad un professionista, probabilmente non si fermerà a quel preventivo, ma ne chiederà altri ad altrettanti esperti del settore, per trovare il miglior prezzo possibile.

Spesso, quindi, l’esperto SEO che riceve la richiesta di preventivo da parte del potenziale cliente, non riuscirà a concludere quel possibile contratto perché l’utente avrà trovato un prezzo più basso da un’altra parte, ed è proprio per questo motivo che bisogna fare la differenza a partire da come ci si presenta e da come viene presentato il preventivo SEO per il lavoro di ottimizzazione.

Chi si affida ad un professionista del settore, spesso non sa come funziona il mondo delle ottimizzazioni, e quindi l’unica cosa che farà quando leggerà il preventivo sarà quella di guardare al prezzo e non tanto agli interventi o alla loro descrizione. Questo, ovviamente, non fa altro che portare verso una possibilità di non riuscita di chiusura del contratto, a meno che il consulente non sia già una persona conosciuta nel suo settore e, quindi, in questo caso la persona che lo contatta è già propensa a chiudere il preventivo proprio perché sa come lavora.

L’errore che molto spesso viene commesso da un esperto di settore, specialmente quando è alle prime armi, consiste nel tenere i propri prezzi troppo bassi rispetto ai tempi di lavorazione: questo è un errore che in realtà accomuna molti professionisti che desiderano accumulare esperienza e clientela, ed è molto importante che questo errore non venga commesso neanche all’inizio. Infatti, se si spargesse la parola di un costo relativamente basso, si finirebbe con l’entrare inevitabilmente in una trappola senza via d’uscita, dal momento che poi sarebbe quasi del tutto impossibile modificare i propri prezzi senza perdere la clientela.

Quindi, l’errore da non fare assolutamente quando viene redatto il preventivo SEO è quello di proporre dei prezzi troppo bassi per attirare il cliente: per ovviare al problema “concorrenza” (che in questo mondo, come in molti altri, è comunque presente) possiamo per esempio impostare il nostro preventivo con degli sconti “a pacchetto”, in modo da far sì che il cliente venga invogliato dalla presenza della “quantità” e questo assicuri al consulente un lavoro più importante, anche in termini di guadagno. Per un preventivo SEO di qualità e professionale, puoi trovare informazioni qui.