Parlare in pubblico senza paura

Parlare in pubblico senza paura

Il problema più comune tra le persone è quello dell’ansia da prestazione quando vi è la necessità di parlare in pubblico. Per questo motivo ci è il public speaking, una materia che consente di studiare molteplici strategie di comunicazione. A questo proposito sono stati scritti dei libri sul public peaking, come Parlare in pubblico senza paura di Massimiliano Cavallo, ha l’obiettivo di poter dare qualche dritta anche ai più timidi ma che per motivi personali o professionali devono necessariamente imparare a gestire le emozioni che ci colpiscono il nostro stomaco prima di parlare davanti a qualcuno.


Un libro può essere fondamentale per avvicinarsi alla pratica del public speaking. Mette in risalto tutte quelle che possono essere le emozioni avvertite da un soggetto prima del debutto e cercare di controllarle. Anche l’attenzione è uno dei problemi fondamentali nel momento in cui si espone, per questo motivo il libro sottolinea tutte le fasi più importanti per il raggiungimento degli obiettivi. Può essere molto utile la sezione che riprende il concetto dell’uso della voce, proprio per aiutare i soggetti a prendere più confidenza con se stessi.

Enciclopedia del public speaking

Questa enciclopedia sul public speaking è suddivisa in cinque sezioni. Ognuno di questi cinque libri prende in considerazione un aspetto diverso e fondamentale del pubic speaking. In particolare fa riferimento alle parole giuste da utilizzare al momento giusto.

Il manuale tratta dell’importanza dei contenuti da comunicare in base al target di pubblico e il linguaggio adeguato per ogni situazione. Altro pilastro portante è quello dell’attenzione del pubblico. Queste pratiche consentono di svolgere una presentazione coinvolgente ed interessante.

La comunicazione per essere efficace deve cercare di coinvolgere tutti i presenti. La comunicazione non è solo questione di apparenza ma fa riferimento alla parte più intima di una persona e per questo motivo è sempre bene concentrarsi prima su sè stessi e poi sugli altri. Anche la pratica del mindfulness ripresa in questo testo è un ottimo metodo per la concentrazione e per gestire le emozioni.

Esperienze di public speaking

Condividere esperienze è importante nel public speaking per combattere il gelo del primo impatto con il pubblico. Questo consente senza alcun dubbio di porre voi e il pubblico sullo stesso piano garantendo una comunicazione senza ogni tipo di timidezza. Anche fare esempi può essere molto utile in quanto può aiutare il pubblico a capire meglio l’argomento e magari riflettere facendo riferimento a delle esperienze personali. In questo testo si fa riferimento all’ambito aziendale.

Per questo motivo la comunicazione può essere un punto a nostro favore garantendoci di sviluppare delle capacità di leadership e di diventare un comunicatore eccezionale. In questo testo vengono analizzati otto casi specifici presi in esame dall’autrice, quelli che sono i punti fondamentale del public speaking e le tecniche da mettere in pratica per diventare un bravo oratore.

L’autrice spiega inoltre che nella società odierna non è più necessario essere discretamente bravo ma bisogna sempre puntare all’eccellenza per non essere schiacciato dalla concorrenza. Questo è uno dei punti che l’autrice tratta nel suo libro ma cerca allo stesso tempo di motivare il lettore a dare sempre il massimo impegno per raggiungere gli obiettivi. Diventare un eccellente speaker è possibile seguendo solo poche regole ma praticando questa pratica con costanza.

Come parlare in pubblico


Questo manuale prende in considerazione il public speaking come una capacità che permette di fare carriera nel proprio ambito lavorativo. Saper parlare in pubblico facilita la realizzazione personale dell’individuo anche nella sfera privata

Tutto ciò però è determinato dalla capacità che ha ognuno di trasmettere con chiarezza il proprio pensiero. Questo manuale espone tutto ciò che è necessario sapere per poter parlare in pubblico in maniera disinvolta e naturale, divertendo gli altri ed aumentando notevolmente il loro grado di attenzione verso l’argomento che stai esponendo.

Un trucco per far interessare il pubblico è fare in modo di divertirlo e rendere l’argomento sempre più avvincente in modo tale che nel pubblico cresce la voglia di scoprire sempre più di ciò che si sta parlando. Attraverso questo manuale si abbandona la timidezza e si cerca di far emergere il lato coraggioso e consapevole dell’oratore.

Acquistare libri sul public speaking è sicuramente il primo passo per aprirsi ed avvicinarsi al pubblico. Il primo intervento è quello effettuato su sè stessi, per la comprensione e la gestione delle emozioni, in seguito è anche possibile attuare vere e proprie strategie di comunicazione per rendere un incontro naturale ma mirato ad un solo obiettivo:far comprendere.

Quanti tipi di camini elettrici esistono?

Quanti tipi di camini elettrici esistono?

Parliamo adesso dei camini elettrici (approfondisci sul sito di https://www.maisonfire.com/), che nonostante il loro nome, sono capaci di riscaldare interamente la casa senza ricorrere alla combustione di alcun tipo di materiale. Questa tipologia di camini è sopratutto adatta per chi è alla ricerca di una soluzione in una casa o in un appartamento in cui non può essere installato un camino vero.

Il camino elettrico è molto potente, in poco tempo sarà in grado di riscaldare tutta la casa, nonostante ciò rimane però molto facile da installare; non richiede alcun intervento nella struttura abitativa, potremmo paragonarlo ad un televisore, che una volta montato sulla parete o sopra ad una struttura reggente, ha solamente bisogno di essere collegato alla presa di corrente. Ovviamente, non producendo combustione, non ha bisogno della classica pulizia di routine che porta via un sacco di tempo.

Camini elettrici: senza canna fumaria

Riscaldarsi davanti al camino dopo una dura giornata passata tra la neve e il gelo è senza dubbio un piacere inestimabile, sopratutto se è possibile farlo senza dover affumicare completamente la casa.

I camini senza canna fumaria sono infatti la miglior soluzione per chi desidera mantenere un ambiente sano e pulito nella propria casa, senza però dover rinunciare ad uno spazio caldo e confortevole, indispensabile durante i periodi di grande freddo. A differenza dei normali camini, il vantaggio di non avere la canna fumaria è dato proprio dalla possibilità di risparmiarsi tutti i lavori che normalmente andrebbero fatti all’interno dell’abitazione per provvedere allo scarico dei fumi da combustione, risparmiando così tempo e denaro. Non importa qual’è la dimensione della vostra casa, o il suo stile, questi camini sono progettati per poter riscaldare grandi spazi adattandosi allo stesso tempo all’ambiente circostante, senza comprometterne l’estetica.

Camini a bioetanolo

Questa particolare tipologia di camini viene alimentata dal bioetanolo, un combustibile che si distingue da tutti gli altri per la sua capacità di restare completamente inodore, oltre a non produrre alcun tipo di fumo. I camini a bioetanolo sono molto diffusi, sopratutto tra chi non ha tempo da dedicare per l’installazione di un camino classico, ma non vuole allo stesso tempo rinunciare alla piacevole sensazione di calore prodotta da una fiamma.

Un’altro grande vantaggio di questi prodotti è, senza ombra di dubbio, l’indipendenza dall’elettricità, in quando hanno solamente bisogno di bioetanolo.

I camini a bioetanolo non sono stati regolamentati da nessuna legge, ciò significa che non è necessario richiedere un permesso speciale per effettuare l’installazione; in commercio ne sono presenti di ogni genere, a partire da quelli fissabili alla parete come televisori al plasma, fino a quelli da terra, per chi desidera dedicare al camino il suo spazio personale, contribuendo enormemente al design della casa.

Camini a gas

Un’altra variante molto valida al camino classico, è il camino a gas, che pur sembrano quasi identico nella struttura, si differenza grazie al processo di combustione messo in funzione dal gas. Questo tipo di camino è perfetto per chi non vuole, o per svariate ragioni non può, impegnarsi con l’acquisto e il trasporto della legna, che come ben sappiamo richiede molta cura.

Essendo un prodotto funzionante a gas è equipaggiato di ogni misura di sicurezza possibile, in commercio troverete sempre e soltanto camini a gas con la certificazione europea, che assicura affidabilità ed efficienza. I camini a gas ovviamente non producono ne cenere ne fumo, tuttavia a seconda del modello che si intende acquistare, possono essere dotati di una lastra protettiva di vetro che ne accentua il design, riducendo in parte l’efficienza, per cui se si è alla ricerca di un camino in grado di riscaldare un grande spazio, come il soggiorno o la camera da letto matrimoniale, vi consigliamo di scegliere un modello a fiamma aperta, che oltre ad essere dotato di tutti i sistemi di sicurezza necessaria, è anche in grado di riscaldare molto più velocemente l’ambiente circostante.

Alcune affascinanti informazioni che non sapevi sulla storia delle spille

Storia delle spille

Che voi ci crediate o no, la storia delle spille è lunga e tortuosa e risale a ben 800 anni fa. Da allora le spille si sono evolute, in ogni senso, e ad oggi sono diventate un elemento fondamentale ed elegante, utile per poter mostrare la propria personalità.

Indipendentemente che tu le stia utilizzando per mostrare l’amore verso il tuo Paese o verso una fede musicale, siamo sicuri che svolgeranno a pieno il proprio compito. Ecco allora 6 divertenti aneddoti che sicuramente non sapevi riguardo alla loro storia.

La decorazione delle spille risale al 13° secolo

Le prime spille sono state ideate e create durante l’impero bizantino nel Vicino Oriente e successivamente questa moda è dilagata fino alla Cina. A quei tempi la tecnica con la quale venivano fabbricati e decorati questi monili era alquanto approssimativa ma con il passare degli anni si è andata perfezionando sempre di più, facendo diventare le spille anche elementi decorativi per capelli ecc.

Non esiste uno scopo reale

Nonostante si possa pensare che le spille personalizzate (scopri tutte le tipologie su professionalpins.com) rappresentino una vera e propria dichiarazione di fede o appartenenza, in alcuni casi politica, queste possono rappresentare una semplice moda per tutti gli uomini e le donne che hanno voglia di esternare una parte del proprio essere. Ovviamente, in tal senso le spille a volte possono servire anche per mantenere in ordine qualcosa o avere una funzione affettiva ed in altri casi ancora abbelliscono semplicemente un abito.

Spille da bavero

Una volta, il buco nel bavero degli abiti da uomo veniva usato per contenere fiori freschi: il cosiddetto fiore all’occhiello, che nel XVI secolo divenne un modo per allontanare la sfortuna. Nel diciannovesimo secolo, invece, le spille si unirono alle catene, orologi e quant’altro per formare il look quotidiano di ogni uomo.

Le spille da bavero sono spille normali

Le spille da bavero e le spille sono tecnicamente la stessa cosa anche se, al giorno d’oggi, si usa fare questa distinzione letterale. Le spille possono essere anche da balia o da cucito, utili per tenere unite più parti ma fanno parte di questa categoria anche quelle decorative.

Alcune spille sono servite per mostrare l’appartenenza ad uno specifico settore

Nel XVI secolo gli uomini italiani indossavano una spilla particolare sul bordo dei propri cappelli per indicare un pellegrinaggio religioso di successo o una benedizione dopo aver visitato un particolare santuario. Su questa lunghezza d’onda, l’applicazione delle spille personalizzate può riflettere anche l’appartenenza ad un particolare gruppo politico o militare.

Evoluzione delle spille

Molti anni fa le spille personalizzate venivano utilizzate per molti scopi mentre ad oggi il loro fine è quello di decorare e perfezionare un determinato look. Esistono molte forme di spille: floreali, a bandiera, a forma geometrica e molto altro ancora. Alcune possono essere applicate sulla camicia, alcune sul bavero mentre altre sul colletto o su una cravatta.

Entra anche tu nel mondo delle spille e scegli quelle più adatte ad esprimere la tua personalità!

Volontari: quando il bene si fa per scelta

Fare del volontariato è probabilmente una delle maniere più edificanti e soddisfacenti che abbiamo di restituire qualcosa alla nostra comunità e dimostrare che teniamo al benessere del mondo in cui viviamo, prestando parte del proprio tempo al servizio di chi ne ha più bisogno.

In tutto il mondo, esistono associazioni e organizzazioni che, senza alcuno scopo finanziario, raccolgono persone provenienti da ogni estrazione sociale e che sono accomunate dal loro desiderio di mettere a disposizione le proprie competenze per cercare di fare la differenza in uno dei tanti campi in cui può essere utile dare il proprio contributo.

L’articolo di oggi tratta il tema del volontariato, cercando di dare ai nostri lettori qualche utile consiglio su come avvicinarsi a questo interessantissimo mondo e quali sono i criteri e le cose da sapere per poter effettuare una scelta matura e consapevole.

Vediamo allora insieme tutto quello che c’è da sapere se sei interessato al mondo del volontariato.

Un dono alla società

Per prima cosa, sappi che il volontariato, nella maggior parte dei casi, comporta il fatto di prestare il proprio tempo e mettere a servizio le proprie competenze in maniera del tutto gratuita, animati quindi solo dalla convinzione delle proprie idee e dal proprio spirito di solidarietà.

I volontari di tutto il mondo sanno quanto possa essere importante donare del tempo a chi ne ha bisogno e nessuno si aspetta alcuna forma di compenso in cambio, se non la consapevolezza di aver fatto del bene in maniera del tutto disinteressata.

Scopri cosa ti coinvolge di più

Per poter scegliere la causa più adatta a noi, un buon punto di partenza potrebbe essere quello di domandarsi in cosa crediamo di più per quale tema saremmo più disposti a dedicare del tempo e, soprattutto, quale causa sentiamo più vicina alla nostra sensibilità.

Si tratta come è ovvio di una scelta del tutto personale, e su cui quindi è pressoché impossibile dare dei consigli oggettivi e validi in maniera universale: quello che possiamo suggerire è di pensare bene anche al fatto che, per fare bene il nostro lavoro di volontari, dobbiamo anche essere a nostro agio con il tipo di impegno che ci verrà richiesto.

Mille modi di aiutare il prossimo

Infatti, non esiste una maniera migliore di fare volontariato rispetto a un’altra: ogni tipo di aiuto sarà sicuramente ben recepito e soprattutto utile a qualcuno.

Che si tratti di bambini, anziani, animali od organizzazioni di natura politica o religiosa, ci sono tanti di quei modi per prestare il proprio servizio che non resta altro che capire quale sia più adatto a noi e alle nostre convinzioni.

Una volta fatto ciò, non resterà altro da fare che prendere contatti con una delle realtà del mondo del volontariato attive nella nostra zona.

Cerca volontari nella tua zona

Quale modo migliore di entrare in contatto con il mondo del volontariato che conoscendo le persone che lo praticano?

Per questa ragione, possiamo consigliare di capire quali realtà sono attive nella propria zona e magari visitare la loro sede, in modo da poter vedere con i nostri occhi che tipo di attività vengono svolte per aiutare il prossimo e ascoltare direttamente dai volontari le loro esperienze.

Si tratta probabilmente del modo migliore che abbiamo per capire se il volontariato fa per noi e, in caso positivo, iniziare subito a offrire il proprio contributo per la causa che più ci sta a cuore.

Hamburger, la passione segreta degli italiani

Hamburger, la passione segreta degli italiani

Anche qui in Italia, patria di una innumerevole quantità di street food di eccezionale qualità e dalle forti tradizioni, l’iconico panino di origini americane ha già da tempo conquistato un posto speciale nel cuore dei consumatori, posizionandosi ogni anno in cima alle classifiche dei cibi preferiti non solo dai più giovani.

Oltre per il fatto di essere squisito, quali sono le ragioni di questo immenso successo? Perché il panino venduto nelle gradi catene internazionali ha così tanto successo? E, ancora, quanto è sicuro mangiare in un ristorante di fast food?

Nell’articolo di oggi cercheremo di dare qualche risposta a queste domande, in modo da capire un po’ meglio come mai anche noi italiani siamo perdutamente innamorati dell’hamburger nella sua versione più classica.

Un pasto rapido e saporito

Sicuramente una delle ragioni che ha portato l’hamburger a un successo così sensazionale anche nella terra di arancini, pizza e focaccia è legato al cambiamento delle nostre abitudini quotidiane.

Si tratta, in altre parole, di un successo interpretabile anche come un fenomeno di costume: se consideriamo i tempi sempre più serrati che scandiscono le nostre giornate di lavoro, capiremo subito il motivo per il quale sempre più impiegati scelgono, per la loro pausa pranza, un pasto rapido, economico e soprattutto buono.

Un discorso in parte simile è possibile farlo anche per gli studenti o per chi si trova in viaggio: trovare un ristorante di una grande catena di fast food non è solo facile, ma rappresenta anche una scelta che ci permette di consumare un pasto completo e dal sapore sempre perfetto e familiare.

Hamburger e salute

Del resto, scegliere un hamburger si rivela anche una scelta, ovviamente se compiuta con moderazione, anche non particolarmente nociva per la nostra salute.

Ovviamente questo panino non può essere il centro della nostra alimentazione e va sempre consumato con una certa moderazione, come ci insegnano i principi della dieta mediterranea; tuttavia, un panino di tanto in tanto non ci creerà alcun disturbo, specie se inserito in uno stile di vita attivo e in una dieta varia e ricca di cibi sani e naturali.

In ogni caso, mangiare in un fast food significa affidarsi ogni volta a un’azienda internazionale che non solo deve sottostare a delle rigide regole di sicurezza alimentare, ma che punta tutto sulla freschezza degli ingredienti utilizzati per i propri pasti.

Prima di finire nel nostro piatto, infatti, ogni ingrediente utilizzato per l’hamburger (dalla carne al formaggio, passando per salse e insalate) viene sottoposto a una serie di severi controlli che hanno luogo praticamente a ogni passaggio della filiera, in maniera da assicurare sempre ai propri clienti di tutto il mondo il massimo della qualità.

Quando ci gustiamo un hamburger, allora, non solo sappiamo di mangiare un cibo che non ci creerà alcun problema di digestione, ma anche che ci consentirà di tornare alle nostra attività di lavoro o studio senza sentirci appesantiti come dopo un pranzo tradizionale.

Non è certamente un caso, infatti, che gli ultimi sondaggi in materia mostrino come sempre più persone preferiscono mangiare un hamburger piuttosto che consumare un pasto completo in un ristorante, considerando anche i tempi di pausa pranzo spesso molto brevi.

Ecco come diventare una perfetta padrona di casa

Ecco come diventare una perfetta padrona di casa

Per essere una buona padrona di casa, devi essere sempre famigliare e accogliente e far sentire i tuoi ospiti come a casa. Questo significa introdurli singolarmente, offrire loro cibo e bevande e, in generale, creare un ambiente di divertimento e allegria. Ecco allora alcuni trucchi per poter diventare una perfetta padrona di casa, far divertire i tuoi ospiti ma riuscendo sempre a tenere tutto sotto controllo!

Parte 1 Fai in modo che sia tutto pronto

Passaggio 1 – Avere cibo e bevande in abbondanza per tutti.

Se stai organizzando una festa per adulti, la regola n. 1 è che non puoi assolutamente rimanere senza bevande. Certo, puoi sempre avere un ospite disposto a fare un viaggio al negozio di liquori, ma se vuoi davvero fare una festa di successo, allora dovresti assicurarti che ci sia cibo che le bevande, fossero più che sufficienti per tutti. Assicurati di avere diversi tipi di alcol e molte opzioni per spuntini in modo che ci sia qualcosa per ognuno dei tuoi ospiti.

Se hai intenzione di servire la cena alla tua festa, chiariscilo in modo che i tuoi ospiti vengano con i loro appetiti al seguito. Se stai solo pensando di fare degli spuntini, dovresti chiarire anche questo, in modo che i tuoi ospiti sappiano che dovrebbero mangiare in anticipo.

È importante procurarsi del bere a sufficienza perché i tuoi ospiti avranno maggiori probabilità di andarsene nel caso in cui notassero che le bibite si stanno lentamente esaurendo. Compra sempre almeno il 25% di bevande in più rispetto a quelle che ritieni ragionevolmente necessarie; puoi sempre riutilizzare quello che avanza o mandare gli ospiti a casa con una bottiglia di vino.

Cerca di avere più cibo rispetto a quanto pensi possa essere sufficiente. Procurati alimenti non facilmente deperibili, come le patatine, in modo tale da poterli salvare se gli ospiti non li finiscono.

Passaggio 2 – Crea uno spazio caldo e accogliente.

Mentre pulisci la tua casa e ti prepari per la tua festa, dovresti assicurarti che l’ambiente sia impostato in modo tale che i tuoi ospiti possano muoversi, rilassarsi e sentirsi a proprio agio. Ciò significa che dovrai avere a disposizione molti posti a sedere, sottobicchieri per le persone su cui posare le bevande e cercare di sistemare i mobili per rendere la stanza il più aperta possibile affinchè le persone non si debbano separare per forza in piccoli gruppi.

Dovresti anche creare abbastanza illuminazione calda e confortevole in modo tale che gli ospiti possano vedersi senza sentirsi assonnati: questo non vuol dire che dovrai dotarti di troppe luci abbaglianti perché così facendo, i tuoi ospiti potrebbero non sentirsi così a proprio agio.

Assicurati di impostare la tua stanza a una temperatura ragionevole e di chiedere ai tuoi ospiti se sentono caldo o freddo durante la notte.

Se è autunno, il periodo delle vacanze o un altro periodo festivo, puoi lasciare piccoli decori festivi intorno alla tua casa per i tuoi ospiti.

Passaggio 3 Lascia in giro alcuni spunti per la conversazione.

Se vuoi stare sul sicuro, puoi lasciare alcuni spunti per la conversazione in giro per casa in modo che i tuoi ospiti abbiano qualcosa di cui parlare se lo scambio linguistico diventa stantio. Puoi proporre la visione della raccolta dei tuoi album musicali, di un album fotografico o di alcuni souvenir che hai accumulato durante un recente viaggio. Soltanto oggetti accattivanti daranno ai tuoi ospiti qualcosa di cui chiederti o di cui parlare.

Crea anche un antipasto unico e prepara una bevanda mista che i tuoi ospiti non hanno mai assaggiato prima: anche questo darà loro qualcosa di cui parlare.

Passaggio 4 – Assicurati che i tuoi ospiti simpatizzino l’uno con l’altro.

Anche se non puoi assicurarti che tutti andranno d’amore e d’accordo, se vuoi organizzare una festa di successo, dovresti provare a invitare ospiti con temperamenti simili o che condividono almeno alcuni degli stessi interessi. Anche se è bello avere persone completamente diverse insieme nella stessa stanza e mixarle per avere conversazioni affascinanti, dovresti assicurarti di non avere troppe persone “problematiche” nella stessa stanza o altrimenti potresti avere qualche problema tra le mani.

Inoltre, sapere che i tuoi ospiti, in linea di massima, andranno d’accordo ti farà sentire meno stressato quando arriva il momento della festa.

Passaggio 5 – Fornisci ai tuoi ospiti tutte le informazioni di cui hanno bisogno in anticipo.

Se vuoi essere una padrona di casa di successo, dovresti indicare ai tuoi ospiti il giorno esatto della festa, dove si svolge e cosa devono o non devono portare. Non vorrai di certo che si presentino a mani vuote a un invito o portino una tonnellata di birra quando hai già due mini-fusti. Fai loro sapere tutti i dettagli del tuo gruppo con almeno una settimana di anticipo.

Se non hanno già il tuo numero di telefono, assicurati di darglielo in modo tale che possano chiamarti se hanno domande o se si perdono durante il tragitto.

Se stai organizzando una festa a tema o vuoi che la festa sia elegante, assicurati che gli ospiti abbiano almeno una settimana o due per preparare un abito adatto.

Passaggio 6

Inizia a prepararti con largo anticipo. Dovresti iniziare a preparare i tuoi drink e snack almeno un’ora prima di quanto pensi che sarà necessario per fare tutto. Dovresti preparare quanti più cibi e bevande possibili con largo anticipo in modo che i tuoi ospiti non arrivino proprio mentre hai iniziato a cuocere quella torta di zucca. Essere pronti quando arrivano i primi ospiti può aiutarti a sentirti perfetta quando si tratta di ospitare e pianificare una buona festa.

Detto questo, puoi lasciare alcuni compiti facili fino all’ultimo minuto in cucina. Questi possono essere perfetti per gli ospiti più timidi che vogliono aiutarti.

Se stai organizzando una grande festa, non vergognarti di chiedere aiuto a un amico. Può essere più divertente preparare la festa a casa con un amico.

Parte 2 Organizzare una festa di successo

1 – Dai il benvenuto ai tuoi ospiti.

Dovresti essere il più caloroso e accogliente possibile quando arrivano i tuoi ospiti. Sorridi a loro, dai loro grandi abbracci, chiedi come stanno e fagli sentire come se fossi davvero eccitato e felice di averli lì. Dovresti anche dire loro dove possono mettere le scarpe, dove appendere i loro cappotti o informarli dove si trova il guardaroba e concedere loro di prendersi qualsiasi cibo o bevanda liberamente.

Fai sentire ogni ospite a suo agio e il benvenuto non appena varca la porta.

2 – Orientali.

Se molti degli invitati alla festa non sono mai stati a casa tua prima d’ora, dovresti far loro sapere rapidamente dove si trovano la cucina, il bagno, il patio esterno e qualsiasi altra cosa possano cercare. Questo li aiuta a sentirsi a casa e non li indurrà a porre troppe domande in seguito. Se più ospiti si presentano contemporaneamente, assicurati di dire tutto a tutti nel più breve tempo possibile.

3 – Offri ai tuoi ospiti cibo e bevande.

Non appena avrai accolto i tuoi ospiti e li avrai orientati, dovresti assicurarti che abbiano del cibo da mangiare o un drink tra le mani. Se stai organizzando una festa con molti alcolici, assicurarti che tutti bevano qualcosa: questo può aiutare le persone a sentirsi a proprio agio e iniziare la festa il più rapidamente possibile. Le persone possono essere timide nel chiedere cibo o bevande, quindi assicurati di offrire loro ciò di cui hanno bisogno il prima possibile.

Apri birre per le persone se vogliono birre, versale del vino se è quello che vogliono, o parla loro del liquore che hai se è per quello che bramano. Ovviamente, se non vuoi che le cose diventino troppo turbolente all’inizio, puoi proporre alcune cose verso la fine della festa.

Dovresti anche controllare in anticipo per assicurarti che i tuoi ospiti non abbiano allergie e far sapere ai tuoi ospiti quali alimenti sono senza arachidi, senza glutine, vegetariani e così via.

Assicurati di avere anche soda, succo di frutta e altre bevande analcoliche in modo che i non bevitori non si sentano esclusi.

4 – Presenta i tuoi ospiti gli uni con gli altri.

Un altro compito importante che hai come hostess è assicurarti che tutti i tuoi ospiti si incontrino e che abbiano qualcosa di cui parlare. Se è una festa più grande e non tutti si conoscono, dovresti far conoscere i tuoi ospiti e spiegare rapidamente la loro connessione con te, sollevando allo stesso tempo qualcosa che potrebbero avere in comune.

Puoi dire qualcosa del tipo: “Sue, questo è Joey, un mio amico d’infanzia. Joey, questo è Sue. Lavora a scuola con me. “

Puoi anche aggiungere qualcosa su temi in comune che possono condividere. Di ‘qualcosa del tipo: “Non è divertente, siete entrambi dell’Alaska!” O “Voi due dovete essere i più fedeli fan dei Lakers che io abbia mai incontrato.”

Dovresti anche cercare ospiti che sembrano soli o che non parlano molto. Presentali alle persone che ritieni possano piacere.

5 – Socializza con tutti.

Al fine di mantenere l’ambiente della festa divertente e amichevole, devi assicurarti di circolare e socializzare con tutti i tuoi ospiti. Non vuoi che alcuni dei tuoi ospiti si sentano trascurati a favore di altri ospiti e devi vedere come sono tutti i tuoi ospiti e cosa hanno fatto in modo tale che si sentano desiderati e benvenuti alla tua festa. Assicurati di inserirti nel discorso almeno ogni 10-15 minuti, per portare nuove persone nella conversazione o per andare a prendere un ospite un altro drink o un po’ più di cibo quando ne ha bisogno.

Dovresti provare a divertirti alla tua festa e allo stesso tempo essere attento alle esigenze dei tuoi ospiti.

Se ritieni che le conversazioni stiano diventando obsolete, dovresti provare a riunire un diverso gruppo di persone o ad aprire la conversazione a un gruppo più ampio.

6 – Fornisci un po’ di intrattenimento, ma non forzarlo.

Dovresti regalare del sano divertimento nel caso in cui i tuoi ospiti si stancassero o semplicemente per rendere le cose più piccanti. Ricorda solo che alcune persone vengono alle feste per uscire e che non vuoi che i tuoi ospiti si sentano come se li stessi forzando a giocare o fare attività che non vogliono fare. Tuttavia, è bene essere preparati con un po’ di intrattenimento, per ogni evenienza. Ecco alcune cose che puoi provare:

  • Giochi da tavolo, come Indizio o Vita
  • Altri giochi, come Twister
  • Videogiochi
  • Un divertimento fuori
  • attività della porta per giocare nel tuo cortile, come il ferro di cavallo o le bocce

7 – Non lasciare i tuoi ospiti soli per troppo tempo.

Anche se potresti aver bisogno di andare in cucina per prendere più bevande o preparare più cibo, o potresti avere qualcos’altro da fare, di norma, non dovresti lasciare i tuoi ospiti da soli per più di qualche minuto. Ricorda che sei il centro della festa e che i tuoi ospiti dipendono da te per divertirti e sentirsi i benvenuti e a proprio agio. È particolarmente importante essere presenti se molti dei tuoi ospiti non si conoscono e hanno bisogno di te per imparare a socializzare meglio.

Puoi chiedere a un amico intimo di aiutarti con qualcosa legato alla festa, come fare più bevande miste o ripulire un pasticcio, che ti aiuterà a ridurre al minimo il tempo trascorso lontano dai tuoi ospiti.

Parte 3 Sii sempre preparato psicologicamente

1 – Non pulire mentre i tuoi ospiti sono ancora lì.

Se vuoi essere una buona padrona di casa, allora dovresti evitare di fare le pulizie mentre gli ospiti sono ancora a casa tua. Anche se puoi pulire le fuoriuscite o qualche pasticcio quando si verificano, se sei in cucina a lavare bicchieri e scodelle di cibo nel mezzo della festa, i tuoi ospiti vedranno questo fatto come un segno che li stai invitando all’uscita. Anche se potresti odiare vedere un pasticcio, ricorda che organizzare una festa divertente è più importante che avere tutto pulito prima che l’ultimo ospite se ne vada.

Anche se sono rimasti solo pochi ospiti, la pulizia invia il messaggio che si desidera concludere. Se sei davvero pronto per la fine della festa, è meglio esserne onesti piuttosto che sperare che ricevano il messaggio in modo indiretto.

Puoi anche fare in modo che un amico o due rimangano il tempo necessario per aiutarti a pulire. Questo ti eviterà di preoccuparti di avere un gran casino tra le mani alla fine della festa.

2 – Stai calmo se qualcuno fa casino.

Se qualcuno versa del vino sul tappeto, se venisse rovesciato sopra quella ciotola di nachos o si riversasse accidentalmente su un dipinto, cerca di non agitarti troppo o di far sentire i tuoi ospiti a disagio per quello che è successo. Dopotutto, sei tu quello che ha deciso di organizzare una festa e dovresti essere pronto a tutto. Se sei visibilmente turbato o stressato, il tuo ospite si sentirà terribile e la gente penserà che sei troppo teso per organizzare una festa divertente.

Di’ semplicemente qualcosa del tipo: “Non ti preoccupare affatto. Questo genere di cose succede sempre alle feste e non è un grosso problema. “

Se vuoi evitare di danneggiare qualcosa che significhi davvero molto per te, allora puoi spostare ricordi, vasi o souvenir significativi prima dell’inizio della festa.

3 – Rendi i tuoi ospiti benvenuti fino alla fine della notte.

Dovresti essere caloroso e accogliente verso i tuoi ospiti per tutta la durata della festa. Se hai menzionato un orario di fine e quell’ora non è ancora arrivata, allora dovrai fare del tuo meglio per continuare a essere una buona hostess e ad accogliere altre persone nella tua casa. Non vuoi che gli ospiti si sentano all’improvviso come se fossero un peso per te o che vuoi solo che tornino già a casa.

Ricorda che sei tu quello che ha deciso di organizzare una festa divertente e che ora devi seguire.

4 – Considera di lasciare ai tuoi ospiti regali di separazione.

Con l’avvicinarsi della festa, puoi dare ai tuoi ospiti qualcosa con cui partire, che si tratti di un favore speciale per le vacanze, di alcuni biscotti che hai preparato in anticipo o anche di cibi o bevande rimanenti. Questo può aiutarli a sentirsi parte della festa e a partecipare a un’occasione davvero speciale. Anche se non è necessario dare un favore alla festa, dare agli ospiti qualcosa di piccolo per ricordare la festa può farli sentire come se la notte fosse ancora più un successo.

Far uscire i tuoi ospiti con cibo o bevande extra manterrà la tua casa piena di troppe cose che non utilizzerai.

5 – Ringrazia i tuoi ospiti per essere venuti.

È importante che i tuoi ospiti sappiano quanto significa per te che siano venuti alla tua festa. Ringraziali per aver dedicato del tempo a rilassarsi, per aver portato tutto ciò che hanno portato e per essere semplicemente fantastici e divertenti ospiti alla tua festa. Questo li farà sentire come se ti importasse davvero e completerà i tuoi doveri di hostess eccellente.

Puoi anche menzionare la prossima volta che esci con i tuoi ospiti, quindi avrai più feste da guardare all’orizzonte, anche se non dovrai essere sempre l’unico ospite

Ecco come essere un perfetto nerd per Halloween

Ecco come essere un perfetto nerd per Halloween

Vestirsi da nerd per Halloween è un modo relativamente semplice e veloce di mettere insieme un costume divertente. Fai una piccola ricerca per trarre ispirazione e poi crea il tuo vestito. Potresti essere in grado di trovare tutto il necessario a casa tua o in alcuni negozi dell’usato locali. In alternativa, puoi facilmente noleggiare o acquistare un costume completo di tutti gli accessori.

Parte 1 – Pianifica il tuo outfit

Passaggio 1 – Trova un po’ di ispirazione.

La prima cosa da fare se hai deciso di vestirti da nerd per Halloween è trovare ispirazione e prendere delle idee. I nerd sono diventati una scelta sempre più popolare per i costumi di Halloween, quindi una rapida ricerca online farà apparire innumerevoli esempi di costumi che le persone hanno indossato negli anni precedenti.

Prova una ricerca di immagini o cerca su siti Web specializzati in immagini, come Instagram e Pinterest.

Troverai anche una serie di video di persone su YouTube che parlano dei costumi da nerd creati nel tempo passato.

Passaggio 2 – Organizza il tuo vestito.

Dopo aver guardato molte foto e video, devi decidere esattamente quale tipo di vestito da nerd vorrai creare. Puoi mantenere i toni semplici, con alcuni pantaloni a vita alta, bretelle, occhiali e un papillon. Per aiutarti a visualizzare e pianificare il tuo costume suddividilo in parti, come scarpe, pantaloni e camicia.

Un abito tipico potrebbe includere alcuni pantaloncini bianchi corti e una camicia a quadri a maniche corte.

Questo potrebbe essere molto bello se indossato con bretelle, un’acconciatura nerd, occhiali e alcune grandi scarpe goffe.

Un’alternativa classica alle scarpe ingombranti sarebbe quella di abbinare calze e sandali.

Passaggio 3 – Pensa ai tuoi capelli.

Devi pensare a cosa vuoi fare ai tuoi capelli per completare il tuo travestimento. In genere un uomo che si veste da secchione per Halloween opterà per separare i capelli al centro e incollarli con un prodotto per capelli. È importante avere i capelli unti.

Un’idea di capelli da secchione alternativo per un uomo sarebbe un taglio a coppa. Per questa opzione, probabilmente dovrai procurarti una parrucca.

Una donna andrà spesso per trecce. L’aggiunta di un prodotto per capelli per renderlo un po ‘grasso può anche essere una buona opzione per una donna.

Una coda di cavallo è un’opzione alternativa. Puoi posizionare la coda di cavallo sulla parte superiore della testa o su un lato della testa.

Passaggio 4 – Ricorda gli accessori.

Per un costume eccezionale dovrai includere alcuni accessori adeguati per i tuoi ritocchi. Gli accessori classici per un costume da nerd potrebbero includere occhiali, una cravatta o preferibilmente un papillon, bretelle e una protezione per la tasca, alcune penne, un righello o una calcolatrice nella tasca della camicia.

Non dimenticare di aggiungere un po’ di nastro adesivo agli occhiali sul lato basso del naso.

Porta con te un libro come accessorio. Qualcosa come un libro di matematica serio funzionerà bene con il tuo costume.

Parte 2 – Travestirsi da famoso nerd

Passaggio 1 – Considera i nerd della TV e del cinema.

Travestirsi da famoso nerd di uno spettacolo televisivo o di un film può essere un’ottima opzione per Halloween. Ti consente di mettere insieme un costume più specifico e meno generico, che ti aiuterà a distinguerti da una folla di altre persone vestite da secchioni. Pensa ai nerd della TV e poi prova ad abbinare il tuo costume il più vicino possibile.

Ci sono innumerevoli fantastici nerd TV tra cui scegliere. Potresti passare da Spock di Star Trek, al Comic Book dei Simpson o da uno dei personaggi della teoria del Big Bang.

Prova a pensare a un personaggio che è facilmente riconoscibile, ma che non molte persone avranno pensato di vestirsi come.

Passaggio 2 – Pensa ai nerd famosi della storia.

Un’ altra idea per vestirsi da nerd è quella di pensare a nerd famosi della storia e della vita reale. Potrebbe essere qualcuno come Bill Gates o Steve Jobs. Per un personaggio più storico, che ha un aspetto molto distintivo, perché non vestirsi come Albert Einstein?

Per Einstein, potresti cercare una grande parrucca bianca, un camice da laboratorio e soffici baffi bianchi.

In alternativa, potresti vestirti come un’altra figura iconica, Sigmund Freud. Per Freud avresti bisogno di piccoli occhiali circolari, una barba bianca e un abito.

Chiunque tu scelga, puoi aggiungere accessori, come un blocco note, una lavagna per appunti o una piccola lavagna.

Passaggio 3 – Mettiti nei panni del personaggio.

Dopo aver preparato il tuo famoso costume da nerd, puoi divertirti entrando nel personaggio. Cerca di comportarti come la persona con cui ti vesti e divertirti. Se vai come Einstein, prova a parlare con accento tedesco. Se vai come Freud, puoi anche adottare un accento romantico.

Puoi anche divertirti fingendo di psicoanalizzare gli amici.

Invita un amico a sdraiarsi sul divano e chiedere loro della loro infanzia, proprio come farebbe Freud.

Parte 3 – Metti insieme il tuo vestito

Passaggio 1 – Cerca materiale a casa.

Anche se non pensi di avere vestiti nerd a casa, è sensato iniziare la tua ricerca proprio lì. Qualcosa come una camicia a quadri a maniche corte può essere facilmente trasformato in parte di un vestito da nerd con l’aggiunta di alcuni pantaloncini o pantaloni indossati in alto sopra la vita. I tuoi genitori o un altro membro della famiglia potrebbero avere delle vecchie bretelle o persino un papillon in giro in fondo a un disegno che potresti usare.

Passaggio 2 – Visita alcuni negozi dell’usato.

Se non riesci a trovare ciò di cui hai bisogno a casa e non ti dispiace spendere un po’ di soldi per il tuo costume, il prossimo posto dove guardare potrebbero essere alcuni negozi dell’usato locali. Questi hanno il vantaggio di essere economici e di avere una varietà potenzialmente ampia di articoli da esaminare. Con i negozi dell’usato, tuttavia, non puoi mai davvero prevedere cosa avranno nel negozio.

Prova a visitare alcuni di questi presenti nella tua zona che sono specializzati nella vendita di abiti.

Tieni una mente aperta quando vai in giro nei negozi dell’usato in quanto potresti trovare un oggetto che sarebbe perfetto per un tipo di costume da nerd leggermente diverso.

Passaggio 3 – Trova un negozio di noleggio vicino a te.

Se non hai molta fortuna con il tuo costume o vuoi risparmiare tempo e fatica, puoi visitare un negozio di noleggio di costumi locale. È molto probabile che immagazzineranno abiti da nerd che potrai sceglierne uno completo di tutti gli accessori. Cerca online i negozi vicino a te e prova a farti un’idea del tipo di costumi che immagazzinano e dei prezzi di noleggio prima di visitare il negozio.

Questi costumi saranno in genere una camicia, pantaloncini alti o pantaloni con bretelle e alcuni occhiali.

Chiedi informazioni sulle parrucche disponibili se vuoi cambiare radicalmente i capelli.

Passaggio 4 – Compra un costume.

Puoi anche decidere di acquistare un costume in modo definitivo. Per acquistare un costume, nella maggior parte dei casi guarderesti online. Il tuo negozio locale rappresenta infatti una scommessa migliore per i noleggi. I costumi di Halloween sono diventati un grande affare e c’è una grande varietà di posti in cui puoi comprare costumi dal costo che varia dai 5 ai 50 euro.

Questi negozi spesso avranno anche accessori come “occhiali da nerd” o scudi di gomma.

Passaggio 5 – Non iniziare a idearlo troppo tardi.

I costumi da nerd sono diventati un punto fermo in vista di Halloween, quindi se scegli questo travestimento quest’anno è sensato pianificare tutto in anticipo. Ciò è particolarmente sensato se hai intenzione di noleggiare il tuo abbigliamento in un negozio locale. Se ti riduci all’ultimo minuto, potresti scoprire che il negozio ne è rimasto sprovvisto.