Kong - Skull Island

(0 voti)
Loading ... Loading ...
Valutazione dei visitatori:   

KONG - Skull Island
id.

   
2017 - 118 minuti

Regia: Jordan Vogt-Roberts
Sceneggiatura: Dan Gilroy, Max Borenstein, Derek Connolly
Cast: Tom Hiddleston, Samuel L. Jackson, Brie Larson

Il trentaduenne Jordan Vogt-Roberts, appena alla sua seconda pellicola cinematografica, effettua un cambiamento a dir poco radicale, passando da "The kings of summer", indie a tema adolescenziale che ha conquistato gli applausi del Sundance Film Festival, ad un blockbuster da quasi duecento milioni di dollari tutto fatto di bang-bang e boom-boom diretti contro un gorilla alto trenta metri.
Vogt-Roberts è infatti il regista di "Kong - Skull Island", reboot che fa parte del cosiddetto MonsterVerse della Warner Bros. e della Legendary Pictures, iniziato tre anni fa col "Godzilla" di Gareth Edwards e che proseguirà ancora nel 2019 con "Godzilla - King of the monsters" e nel 2020 col crossover "Godzilla vs. Kong".
Il film di Vogt-Roberts sceglie di affrontare il mitico personaggio di Kong attraverso un approccio inedito, che non prevede personaggi o linee narrative già esistenti forgiate nel lontano 1933 da Merian C. Cooper o poi ripresi da John Guillermin (1976) e da Peter Jackson (2005). Questo è interessante perché è un'idea di partenza leggermente diversa da quella del "Godzilla" di Edwards, che, sì, definiva una nuova trama ambientata nel mondo moderno, ma che anche si poneva come aggiornata continuazione di buona parte delle tematiche del prodotto originale di Ishiro Honda (senza contare poi i molti omaggi).
In "Kong - Skull Island" invece è totalmente assente l'anima più intimistica del gorilla di Cooper e, dove quindi non abbiamo tutti gli svariati temi legati al rapporto fra una bella e la bestia protagonista, c'è un carattere unicamente orientato alla pellicola d'avventura che diventa quasi un war-movie. Sono difatti numerosi i riferimenti alla guerra del Vietnam, alla Seconda Guerra Mondiale, nonché a molti film di guerra che hanno fatto la storia del cinema - uno su tutti "Apocalypse now".
Peccato, però, che i rimandi sono in gran parte stupidi e superficiali, giusto dei pretesti che soccombono allo strabordìo di azione ed effetti speciali: alla fine c'è un poster che richiama quello del capolavoro di Coppola, ci sono dei personaggi che si chiamano Conrad e Marlow (e rievocano quindi Cuore di tenebra) e ci sono pure i brani rock inseriti nella colonna sonora. Tutto ciò, però, è fine a sé stesso e persino quando vengono avanzati più intriganti parallelismi a livello di personaggi (si confrontino quelli di Samuel L. Jackson e Robert Duvall, oppure di John C. Reilly e Dennis Hopper), non si trova mai comunque il giusto spazio o il giusto significato.
Il regista ad un certo punto azzarda l'omaggio ai kaiju eiga (Kong combatte contro un polipo gigante come ne "Il trionfo di King Kong"), ma è una singola goccia in un mare di azione superficiale, di labili prediche ecologiste e, soprattutto, di adrenalinici scontri fra mostri sempre più grandi e pericolosi. Ognuno di essi cerca di sopraffare Kong ma, nel pieno rispetto dell'ordine naturale - e dei miti cinematografici - il re non può essere sconfitto: lui, ultimo campione della sua specie venerato come un dio dai popoli locali, è il dominatore di Skull Island. I piccoli invasori umani non sono altro che formiche per lui, e banali macchiette con cui è impossibile empatizzare per lo spettatore. Fra un Tom Hiddleston bloccato in un personaggio statico e stereotipato ed una Brie Larson a dir poco odiosa, l'unico in grado di dare un minimo di anima e carattere alla sua controparte scenica è John C. Reilly.

Curiosità: Dopo i titoli di coda c'è una scena in cui appaiono pitture rupestri coi mostri che plausibilmente ritroveremo nei prossimi film (Godzilla, ovviamente, ma anche Rodan, Mothra e King Ghidorah).

Questa è l'opinione di Maurizio Macchi. I pareri del resto dello staff:
Matteo Contin  n.v.
Marta Mischiatti  n.v.
Martina Macchi  n.v.

Inserisci un commento

Inserisci il tuo commento

Non riesci a leggere? Cambia parola.


Il commento sarà visualizzato solo dopo essere stato approvato dagli amministratori.
 
Licenza Creative Commons
Questo sito è senza scopo di lucro. Le immagini in esso contenute sono di proprietà dei legittimi proprietari. Il resto dei contenuti, eccetto dove diversamente specificato, sono opera dello staff di Pellicola Scaduta e sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.