Sully

(0 voti)
Loading ... Loading ...
Valutazione dei visitatori:   

SULLY
id.


2016 - 96 minuti

Regia: Clint Eastwood
Sceneggiatura: Todd Komarnicki
Cast: Tom Hanks, Aaron Eckhart, Laura Linney

Al centro di "Sully", trentacinquesima fatica dietro la macchina da presa di Clint Eastwood, c'è la prosecuzione tematica del denudamento della figura dell'eroe. Negli anni il regista californiano ha raccontato di pistoleri vendicativi, di sergenti d'acciaio, di poliziotti crepuscolari, di campioni sportivi, di soldati afflitti, via via fino ad eroi messi sempre più in discussione, come il Walter Kowalski di "Gran Torino", un burbero martire che, rimanendo coerente coi suoi valori patriottici, scopriva dubbi riguardo l'obsoleta visione che aveva del proprio Paese grazie all'incontro coi suoi vicini Hmong.
Quel che ora, con "Sully", si giunge ad acclamare, è la sintesi ultima dell'eroe, perché il protagonista, il comandante Chelsey Sullenberger, è un soggetto estremamente ordinario, con la sua umanità, le sue paure, ma anche con l'eccezionale determinazione di chi, nel momento di estremo bisogno, è stato in grado di esprimere la propria professionalità in maniera unica. Con la sua eccezionale intelligenza, la sua esperienza e la sua determinazione, infatti, il 15 gennaio 2009 Sullenberger salvò la vita alle 155 persone a bordo del volo US Airways 1549, ammarando nel fiume Hudson dopo aver perso entrambi i motori a causa di un bird strike avvenuto appena cinque minuti dopo il decollo.
Ad Eastwood non interessa il clamore mediatico attorno a Sully - difatti le televisioni sono sempre presenti nel film, ma mai al centro della scena per celebrare l'eroe. Quel che il regista cerca è invece la vera essenza, cerca il coraggio e il valore insiti nell'uomo comune di cui Tom Hanks è il perfetto interprete (l'attore non è nuovo alla rappresentazione di ruoli simili). I nemmeno sei minuti in cui la prodezza del comandante è avvenuta sono tecnicamente ricostruiti alla perfezione e riproposti, per intero o in parte, a più riprese, in uno strutturato puzzle di flash-back e flash-forward utile a costruire in modo adeguatamente dinamico la narrazione.
Tutto il film è incentrato unicamente su Sully, e questo è un po' sia un pregio che un difetto - nel senso che è vero che l'introspezione del protagonista è così garantita, ma è pure vero che i personaggi secondari sono in questo modo ridotti ad essere solamente di sfondo (persino il copilota Jeff Skiles, interpretato da Aaron Eckhart). Molto discutibile è inoltre il ruolo dato alla National Transportation Safety Board, a tutti gli effetti trasformata in un antagonista del film quando, in realtà, il suo ruolo è praticamente stato solo quello di prendere atto, con tutti i dovuti approfondimenti, di quanto era successo (questo genere di difetto non è nuovo nel cinema di Eastwood). La NTSB ha rilevato le registrazioni di cabina, i dati delle scatole nere ed ha ascoltato il comandante e il primo ufficiale descrivere come l'aereo ha avuto l'incidente e come è stata affrontata l'emergenza, convenendo senza particolari rimostranze che l'evento era stato gestito in maniera straordinaria e che, quindi, Sully era effettivamente l'eroe di cui tutte le televisioni e i giornali stavano raccontando.
Questa scelta, probabilmente, è stata intrapresa dal regista per rendere più appassionanti le parti in cui vengono trattate le fasi di accertamento avvenute dopo l'incidente, ma non c'era assolutamente bisogno di dare quest'impronta (come non c'era nemmeno bisogno di affrontare retoricamente qualche altro aspetto minore). La sceneggiatura di Todd Komarnicki ("Perfect stranger"), infatti, nonostante la difficoltà di base di costruire un film su un evento durato appena pochi minuti, se la cava molto bene, ed anche il montaggio e la regia valorizzano con intelligenza tanto il racconto degli avvenimenti quanto le esplorazioni interiori del protagonista e le conseguenti analisi tematiche.

Questa è l'opinione di Maurizio Macchi. I pareri del resto dello staff:
Matteo Contin  n.v.
Marta Mischiatti  n.v.
Martina Macchi  n.v.

Inserisci un commento

Inserisci il tuo commento

Non riesci a leggere? Cambia parola.


Il commento sarà visualizzato solo dopo essere stato approvato dagli amministratori.
 
Licenza Creative Commons
Questo sito è senza scopo di lucro. Le immagini in esso contenute sono di proprietà dei legittimi proprietari. Il resto dei contenuti, eccetto dove diversamente specificato, sono opera dello staff di Pellicola Scaduta e sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.