Mortdecai

(0 voti)
Loading ... Loading ...
Valutazione dei visitatori:   

MORTDECAI
id.

 
2015 - 107 minuti

Regia: David Koepp
Sceneggiatura: Eric Aronson
Cast: Johnny Depp, Gwyneth Paltrow, Ewan McGregor

In "Mortdecai" Johnny Depp veste i panni della prima versione cinematografica del personaggio nato, negli anni '70, dalla penna di Kyril Bonfiglioli. Eccentrico mercante d'arte pieno di vizi e tic, Charlie Mortdecai è stato il protagonista di quattro romanzi, rimasti praticamente sconosciuti se non nel Regno Unito, dove sono diventati dei cult. A dirigere questo adattamento c'è David Koeep, sceneggiatore storico di Hollywood ("Mission: impossible", "Jurassic Park", "Carlito's way", "Spider-man") qui alla sua sesta pellicola da regista.
Koepp conduce Depp in un'avventura sostanzialmente improduttiva che si dipana qua e là per il mondo. Alla fine tutti i centri della storia conducono però all'Inghilterra, patria della regina, di 007, del tè delle cinque e di quello humor tipicamente british al quale il film fortemente si rifà. Tale humor è però rielaborato dal regista-sceneggiatore americano, che avvicina questo tipo di composta ed intelligente ironia a gag più facili, senza per questo sfociare nel demenziale più basso (e di questo gli va dato merito). Tuttavia le memorabilia davvero divertenti si contano sulle dita di una mano e molte cose, come ad esempio la reiterata scenata del conato di vomito, dopo un po' stufano. In generale, riassumendo, "Mortdecai" si prende parecchio in giro, ma un prodotto che ride di sé senza far ridere troppo lo spettatore rimane un film che rischia il ridicolo...
Oltre alla mediocrità di una trama mal strutturata, che è poi un farsesco pretesto per giustificare la detta ironia che pare uscita da un prodotto per la tivù inglese degli anni '60, il vero problema della pellicola è Johnny Depp, ormai in costante declino dopo gli anni di suo più grande successo (seconda metà degli anni '90 e prima metà dei 2000). Dopo un pietoso Cappellaio Matto ("Alice in Wonderland") e un discutibile Tonto ("The lone ranger"), l'attore ci passa un Mortdecai bizzarro e grottesco, derivato però da maschere e boccacce che non distaccano per niente il personaggio da quel tipo di caratterizzazione sopra le righe a cui negli anni Depp si è indissolubilmente legato. Di conseguenza il protagonista appare sì grottesco, ma anche inevitabilmente poco originale, personale e carismatico. Fra gli altri interpreti, invece, convince solo l'autoironico Paul Bettany (per Jeff Goldblum ed Olivia Munn non diamo alcun voto, data la piccolezza dei loro ruoli).
"Mortdecai", che è stato nominato a 3 Razzie Awards 2016 (Peggior Attore Protagonista, Peggior Attrice Protagonista e Peggior Coppia), ha ricevuto in generale cattive recensioni e ha floppato anche al botteghino (è costato 60 milioni di dollari e ne ha incassati 47).

Questa è l'opinione di Maurizio Macchi. I pareri del resto dello staff:
Matteo Contin  n.v.
Marta Mischiatti  n.v.
Martina Macchi  n.v.

Inserisci un commento

Inserisci il tuo commento

Non riesci a leggere? Cambia parola.


Il commento sarà visualizzato solo dopo essere stato approvato dagli amministratori.
 
Licenza Creative Commons
Questo sito è senza scopo di lucro. Le immagini in esso contenute sono di proprietà dei legittimi proprietari. Il resto dei contenuti, eccetto dove diversamente specificato, sono opera dello staff di Pellicola Scaduta e sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.