The visit

(0 voti)
Loading ... Loading ...
Valutazione dei visitatori:   

THE VISIT
id.


2015 - 94 minuti

Regia: M. Night Shyamalan
Sceneggiatura: M. Night Shyamalan
Cast: Olivia DeJonge, Ed Oxenbould, Deanna Dunagan

Sebbene qualcuno paia crederlo, M. Night Shyamalan non è un regista dell'orrore: a quel qualcuno questo potrà sembrare paradossale, ma, a pensarci bene, il regista di origini indiane non ha infatti mai diretto un horror propriamente detto. Sin dai tempi di "The sixth sense - Il sesto senso", passando per "The village", "E venne il giorno" e tutti gli altri più o meno discutibili tasselli dalla sua filmografia, Shyamalan si è difatti confrontato col fantasy e con la fantascienza, col drammatico, col catastrofico, col sentimentale persino, ma in tutto questo l'orrore è sempre rimasto un elemento atmosferico, più che altro il suo marchio di fabbrica per raccontare storie.
Come in tutti gli altri suoi lavori, anche nel thriller-horror low budget "The visit" esso non è mai al centro della storia, bensì è piuttosto una componente fortemente caratterizzante, che va ad impattare soprattutto - in generale - sull'atmosfera della narrazione e - in particolare - su svariate singole scene studiate ad hoc per impressionare lo spettatore. Fermo restando che queste ultime difettano alquanto per la produzione di dette impressioni in chi guarda, rimane comunque il fatto che i vari frammenti (prevalentemente diurni) che collegano i tasselli horror (prevalentemente notturni) riescono a ricevere da questi un'azzeccata, sinistra contaminazione. Sono infatti diverse le sequenze ordinarie, ambientate anche di giorno, in cui, a lungo andare, si annidano maligne inquietudini, anche se in realtà poi succede poco o niente (un esempio sono le scene in cui l'anziana nonna, in piena citazione della fiaba di Hansel e Gretel, costringe la ragazzina ad entrare nel forno per pulirlo).
La trama, che prevede due giovani fratelli, due anziani e una follia che si scatena dopo le nove e mezza di sera, è mediocre e anche la paura è piuttosto rara, ma, in generale, ci sono almeno due o tre occasioni in cui Shyamalan gioca bene col found footage. Tale stile, ormai inflazionato, che non funziona più come dovrebbe e che qui si cerca anche come didascalica metafora della professione del regista, è indubbiamente utile in diversi passaggi, con rumori inquietanti, apparizioni angoscianti e con una buona suspense che trasforma la quotidianità (una piacevole visita dei nipotini ai nonni) in una indemoniata corsa alla sopravvivenza. Pure la squilibrata performance attoriale di Deanna Dunagan sicuramente aggiunge molto.
"The visit" non sarà forse una pellicola spaventosa, ma eccentricamente ed originalmente sinistra sì.

Questa è l'opinione di Maurizio Macchi. I pareri del resto dello staff:
Matteo Contin  n.v.
Marta Mischiatti  n.v.
Martina Macchi  n.v.

Inserisci un commento

Inserisci il tuo commento

Non riesci a leggere? Cambia parola.


Il commento sarà visualizzato solo dopo essere stato approvato dagli amministratori.
 
Licenza Creative Commons
Questo sito è senza scopo di lucro. Le immagini in esso contenute sono di proprietà dei legittimi proprietari. Il resto dei contenuti, eccetto dove diversamente specificato, sono opera dello staff di Pellicola Scaduta e sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.