Kama sutra (1991)

(4 voti)
Loading ... Loading ...
Valutazione dei visitatori:   

KAMA SUTRA
id.


1991 - 43 minuti

Regia: Chihata Miyazaki, Masayuki Ozeki
Sceneggiatura: Seiji Matsuoka
Cast: -

Per chi lo conosce, il maestro Go Nagai non ha bisogno di presentazioni. Per chi invece non lo conosce, sono sicuro che titoli come Mazinga, Devilman, Jeeg robot d'acciaio, Ken Falco, Getter Robot, Cutie Honey, Gaiking, Full Metal Lady, Kekko Kamen e decine d'altri, diranno sicuramente qualcosa. Go Nagai, come si può capire, è stato infatti uno fra i più importanti autori del panorama manga ed anime sin dagli anni '60 e '70, quando con Scuola senza pudore e Mazinga Z introdusse in questi mezzi espressivi rispettivamente l'uso dell'erotismo e il concetto di mecha, robot giganti pilotati da uomini al loro interno.
Concentrandoci sulla prima delle due innovazioni appena citate, fra i lavori minori di Nagai c'è Kamasutra, realizzato nel 1990 suddiviso in quattro tankobon, dal quale il regista Masayuki Ozeki ("Lupin III - La cospirazione dei Fuma") e lo sconosciuto esordiente Chihata Miyazaki hanno tratto un OAV intitolato Kamasutra - The ultimate sex adventure, nel resto del mondo poi esportato col titolo "Kama sutra". Questo film fa parte del genere hentai, quindi è ovviamente vietato ai minori di 18.
La trama, nonostante differisca nei particolari da quella del manga, va a grandi linee a parare sugli stessi elementi del lavoro di Nagai: sesso, amore, lotta del bene contro il male ed un tocco d'esotismo con l'ambientazione indiana. Nell'anime, come nel manga, il protagonista è il giovane Yukari Tsuji (in italiano diventato Ryu), che si trova contemporaneamente a scoprire l'arte del Kama sutra e a dover salvare una principessa indiana risvegliatasi dal suo sonno d'ibernazione dopo 1500 anni.
Sarò io che di 'sto genere di anime ne capisco poco il senso, ma sicuramente devo dire di preferire i film delle saghe robotiche di Nagai rispetto a queste pellicole dal tocco erotico. La storia poteva sicuramente essere realizzata con molti difetti in meno, ma più che altro essa pare un pretesto per inscenare un paio di sequenze osé dalle cui atmosfere dipende anche tutto il resto della narrazione. In "Kama sutra" quindi ogni cosa, anche la più improbabile, gravita scarsamente intorno al sesso e fra battute tipo «Ma Ryu, che sta succedendo al tuo pisello?» e scene in cui il risveglio della principessa è messo in atto facendogli bere un mix di fluido spermatico e secrezione vaginale (bleah!), il film decisamente rimane non degno di nota. Che poi effettivamente, nonostante la tremenda banalità, la parte avventurosa della storia poteva anche essere quasi passabile (di tanto in tanto si tenta anche qualche guizzo ironico), ma il film si concentra davvero troppo sugli inserimenti erotici e fa fallire il tutto.
Poi pure stilisticamente il film non è un granché: pur essendo del 1991, graficamente "Kama sutra" regredisce di 10 o 20 anni, sembrando un anime degli anni '70. Anche le musiche sono mediocri, anzi proprio terribili. Cosa che anche a cercare free midi songs su Google si troverebbe di meglio.

Questa è l'opinione di Maurizio Macchi. I pareri del resto dello staff:
Matteo Contin  n.v.
Marta Mischiatti  n.v.
Martina Macchi  n.v.

Inserisci un commento

Inserisci il tuo commento

Non riesci a leggere? Cambia parola.


Il commento sarà visualizzato solo dopo essere stato approvato dagli amministratori.
 
Licenza Creative Commons
Questo sito è senza scopo di lucro. Le immagini in esso contenute sono di proprietà dei legittimi proprietari. Il resto dei contenuti, eccetto dove diversamente specificato, sono opera dello staff di Pellicola Scaduta e sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.