Quarto potere

(14 voti)
Loading ... Loading ...
Valutazione dei visitatori:   

QUARTO POTERE
Citizen Kane


1941 - 119 minuti

Regia: Orson Welles
Sceneggiatura: Herman J. Mankiewicz, Orson Welles
Cast: Orson Welles, Joseph Cotten, Dorothy Comingore

Xanadù è un nome che affascina, così come l'edificio che porta questo nome. Eppure dopo la morte del magnate dell'editoria Charles Foster Kane, Xanadù si è trasformato in una sorta di castello dell'orrore, dove ancora risuonano il rumore della palla di vetro che si rompe e il suono dell'ultima parola pronunciata da Kane: rosebud, bocciolo di rose. Cosa significa mai? Forse un linguaggio in codice di uno degli uomini più potenti del mondo? Sarà compito del giornalista Jerry Thompson indagare sulla misteriosa parola, intervistando le persone che sono ruotate attorno a Kane durante tutto l'arco della sua vita. Basteranno però tutte quelle parole per descrivere e capire un uomo?
Jorge Luis Borges definì "Quarto potere" - terzo film dell'appena ventiseienne Orson Welles - un giallo metafisico, e non sarò di certo io a dargli torto. Se la grandezza tecnica di un film è facilmente misurabile, ci sono film che inspiegabilmente affascinano e conturbano nonostante gli anni passati e i film visti. "Quarto potere" è uno di quei film, forse uno dei primi esempi di film che innanzitutto si pongono lo scopo di farsi visione e di trasformare dunque il visibile in qualcosa di invisibile, che potremmo chiamare emozione, pensiero. Sin dall'inizio Welles mette in chiaro le cose: la prima inquadratura mostra un cartello con la scritta No trespassing, perché noi non possiamo entrare e capire la vita di un uomo, benchè meno il regista stesso che questa storia decide di raccontarcela. Non è un film biografico (nonostante la vicenda sia ispirata al magnate dell'editoria Hearst che cercò di boicottare il film in ogni modo) perché il suo cinema, sembra suggerirci Welles, non vuole e non può raccontarci le diverse personalità, i diversi io di un personaggio così complesso come Kane. Un giallo metafisico dunque, dove i tempi e i modi del noir servono solo da specchietto per le allodole a un pubblico che cerca una soluzione (forse perché ha il desiderio di chiudere un cerchio all'interno di una vita che chiude cerchi solo nel momento della morte), ma a cui in realtà viene mostrato tutt'altro. Il vero finale non è lo scoprire il significato della parola rosebud (pur con i suoi interessanti risvolti psicanalitici), ma l'inquadratura che vede Kane moltiplicarsi all'infinito grazie a un complesso gioco di specchi: non è un caso che d'ora in poi rivedremo Kane solo riflesso nei suoi oggetti e nelle sue statue (messi lì come a colmare un vuoto interiore), ma anche nel fumo nero che brucia la sua essenza/assenza. E qui ricompare di nuovo il cartello No trespassing, con una funzione che desidera quasi ammettere la sconfitta dello stesso regista, che non è riuscito a descriverci un personaggio.
Ma non era questo lo scopo di Welles. A lui interessava infatti descrivere proprio quell'impossibilità che ha il cinema di descrivere la realtà e il suo conseguente rifugio in storie che la realtà la riflettono, ma con una semplicità che stona se confrontata le complessità interiori della vita reale. La sceneggiatura firmata dallo stesso Welles in coppia con Herman J. Manckiewicz (poi sceneggiatore de "Gli uomini preferiscono le bionde") vinse nel 1941 il premio Oscar. Il film venne nominato anche nelle categorie più importanti (tra cui Miglior Film, Miglior Regista, Miglior Attore Protagonista), ma non vinse alcun premio.
Orson Welles dietro la macchina da presa dimostra di essere un regista troppo avanti per i tempi in cui ha vissuto. Welles gestisce con intelligenza la profondità di campo (lavorando molto bene con le scenografie, che si fanno sempre meno sfondo e con Xanadù diventano quasi entità protagoniste della storia) e si dimostra abile a confezionare alcuni pianisequenza atipici, tenendo il film stretto in una morsa dove le cose evidenti e i dettagli non vengono mai lasciati al caso (vedi ad esempio alcune inquadrature fortemente simboliche, come il dialogo tra Kane e Susan, dove a rafforzare il profilo e la personalità della donna troviamo in primo piano una bambola simile a lei). La vera bravura di Welles è quella, sempre anticipando i tempi di almeno cinquant'anni, di riuscire a miscelare i generi più diversi, senza però renderli estranei alla storia.
Abbiamo già detto come il noir sia l'impianto generale su cui le vicende si muovono, ma non si possono non notare i frequenti cambi di registro che vanno dal melodramma alla commedia, sino addirittura a sfiorare il musical con un divertente siparietto musicale e a confezionare un cinegiornale sulla morte del magnate che intelligentemente ci illustra a grandi linee, nell'incipit del film, la storia di Kane, a mo' di mappa concettuale su cui lo spettatore può muoversi per mettere insieme tutti i pezzi dell'intricato puzzle che è destinato però a non risolversi.
C'è poi l'Orson Welles attore, che non è da sottovalutare. Se nella prima parte sfodera un carisma decisamente invidiabile, è nel momento in cui Kane invecchia che Welles dà il meglio di sé. Basterebbe per confermare questa teoria, la scena in cui un imbolsito Kane distrugge la stanza dopo essere stato lasciato da Susan: il magnate è sì furioso, ma la vecchiaia gli fa muovere passi stanchi e pesanti verso una demolizione simbolo dell'ennesimo fallimento. Tra gli attori compare un quasi esordiente Joseph Cotten ("I cancelli del cielo", "Il terzo uomo") che già dimostra la sua bravura.
Per tirare le somme basterebbe citare una frase che Francois Truffaut disse sul film: «Appartengo ad una generazione di cineasti che hanno deciso di fare film avendo visto "Quarto potere"».

Questa è l'opinione di Matteo Contin. I pareri del resto dello staff:
Maurizio Macchi
Marta Mischiatti  n.v.
Martina Macchi  n.v.

Commenti (2)

  1. Commento inserito da MonsieurVerdoux:

    Film straordinario, non c’è che dire. L’ho rivisto per l’ennesima volta pochi giorni fa (e ne ho scritto anche una piccola recensione sul mio blog), ma devo dire che ogni volta mi piace di più. L’uso del grandangolo, delle prospettive sbilence, della profondità di campo esagerata, ne fanno un capolavoro assoluto tremendamente in anticipo sui tempi.
    Un saluto e complimenti per il bel blog.


  2. Commento inserito da Mau:

    Grazie mille, MonsieurVerdoux!

Inserisci il tuo commento

Inserisci il tuo commento

Non riesci a leggere? Cambia parola.


Il commento sarà visualizzato solo dopo essere stato approvato dagli amministratori.
 
Licenza Creative Commons
Questo sito è senza scopo di lucro. Le immagini in esso contenute sono di proprietà dei legittimi proprietari. Il resto dei contenuti, eccetto dove diversamente specificato, sono opera dello staff di Pellicola Scaduta e sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.