36

(0 voti)
Loading ... Loading ...
Valutazione dei visitatori:   

36
36 quai des orfevres


2004 - 110 minuti

Regia: Olivier Marchal
Sceneggiatura: Olivier Marchal, Dominique Loiseau
Cast: Daniel Auteuil, Gerard Depardieu, André Dussolier

A Parigi, al 36 di Quai des orfevres, c'è la centrale di polizia dove lavorano Leo Vrinks e Denis Klein (Auteuil e Depardieu). In passato amici, ora sono da tempo divisi su tutto, vita privata e lavorativa. Ad aumentare la rivalità fra i due c'è ora in ballo il posto di direttore della polizia giudiziaria. Quest'ultimo sta infatti per lasciarlo al migliore dei suoi uomini: quello che catturerà la famigerata banda di esperti rapinatori che ha già colpito otto volte in città. Trionferà la spietata ambizione di Klein o la rispettosa correttezza di Vrinks?
Diretto da Olivier Marchal, "36 Quai des orfevres" (ma il titolo italiano è solo "36") è uno dei migliori noir in salsa moderna che l'Europa abbia sfornato. E' stato anche premiato al Noir in Festival di Courmayeur e nominato a ben 8 Cesar.
Marchal, prendendo spunti stilistici da "Heat - La sfida" di Mann e congelando la periferia parigina con la bella fotografia di Denis Rouden, riesce a ricreare una perfetta atmosfera all'interno della quale si muovono raffinatamente le sue pedine con tanto di cappottoni, sigarette in quantità e armi spianate nelle più disparate circostanze. Le performance di Daniel Auteuil e di un Gerard Depardieu curiosamente baffettato sono ottime (da ricordare però anche quelle dei non protagonisti André Dussolier e Daniel Duval; mediocre invece la nostra Valeria Golino). Le figure dei due protagonisti sono tratteggiate abilmente dalla sceneggiatura, che consente al contempo di sviluppare una trama coinvolgente e delle caratterizzazioni interessanti. Vrinks e Klein sono molto diversi, hanno valori e mezzi molto differenti e per lo spettatore è emotivamente eccezionale l'effetto provocatogli dall'evoluzione dei comportamenti e delle vicende.
La prima parte, forse narrativamente più intricata e compatta della seconda (vuoi anche per il maggior ruolo dei personaggi secondari), progredisce poi in una vera e propria trama drammatica dai tratti tragici. Qui ci si concentra su emozioni, sensi di colpa, desideri di vendetta di Vrinks e Klein, tutto per giungere alla conclusione della storia dove, rispettando le regole del noir e mischiandole con quelle del dramma alla Eastwood (vuoi anche per la già citata fotografia, i toni emotivi della seconda metà mi hanno vagamente riportato alla mente "Mystic River"), ogni cosa va al suo posto, positivo o negativo che sia. I morti sono stati molti, fra i vivi non c'è nessuno a cui non è stato strappato qualcosa, ma le cose vanno così, in queste storie di violenza e tradimenti.
E questa, fra le storie di violenza e tradimenti, rimane fra le migliori, avendo fra i suoi maggiori punti di forza il prendere in prestito molti elementi dai migliori noir/polizieschi americani ma senza mai perdere la sua ottima coscienza di essere e voler rimanere europea.
Ah, suonerà un po' come ironia nera, ma a proposito di americani e voler rimanere europea, come si poteva pensare che i produttori hollywoodiani non avrebbero messo le mani anche su questo? Scopro infatti adesso che è già in programma il rifacimento USA previsto per il 2009. Sarà diretto da Martin Campbell, regista, fra gli altri, dell'ultimo James Bond "Casino Royale".

Curiosità: La ragazza che interpreta Lola, la figlia adolescente di Vrinks della seconda parte del film, è Aurore Auteuil, vera figlia di Daniel.

Questa è l'opinione di Maurizio Macchi. I pareri del resto dello staff:
Matteo Contin  n.v.
Marta Mischiatti  n.v.
Martina Macchi  n.v.

Inserisci un commento

Inserisci il tuo commento

Non riesci a leggere? Cambia parola.


Il commento sarà visualizzato solo dopo essere stato approvato dagli amministratori.
 
Licenza Creative Commons
Questo sito è senza scopo di lucro. Le immagini in esso contenute sono di proprietà dei legittimi proprietari. Il resto dei contenuti, eccetto dove diversamente specificato, sono opera dello staff di Pellicola Scaduta e sono rilasciati sotto Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.